Riempitrici - Infialatrici(7)

Le infialatrici sono delle macchine utilizzate per il riempimento di fiale (fiale aperte e/o fiale chiuse). Le fiale sono usate principalmente nel settore farmaceutico, contengono al loro interno generalmente medicinali iniettabili i quali vengono confezionati in ambiente sterile e molto controllato. Per questa ragione molto spesso troviamo a monte e a valle, cioè prima e dopo le macchine infialatrici, macchine come le sperlatrici, le macchine lavafiale, le autoclavi, i tunnel di sterilizzazione, tutti macchinari utilizzati appunto per controllare prima e dopo l’integrità delle fiale. Le infialatrici per “fiale chiuse” funzionano nel modo seguente: le fiale vengono caricate su un vassoio ed una coclea (vite senza fine) le porta una alla volta in un alveolo della stella di trasporto quasi sempre presente su tutti i macchinari rotativi di riempimento. La prima operazione, trattandosi di fiale chiuse, è quella di aprirle le fiale. L'apertura delle fiale avviene in due modi, mediante un taglio del collo della fiala (di solito quest’operazione si effettua con la fiala capovolta per evitare che dei frammenti di vetro rimangano all’interno della fiala) oppure mediante ad una fiamma che andrà a sciogliere la punta della fiala. Una volta aperte, le fiale vengono riempite grazie a degli aghi di riempimento (che variano a seconda della tipologia di prodotto). Una volta riempite le fiale, queste si spostano alla successiva stazione di chiusura, dove il collo della fiala viene scaldato nuovamente fino a che il vetro si “ammorbidisce” ed una pinza chiude la fiale e contemporaneamente strappa la parte eccedente di vetro. Raffreddandosi la fiala si chiude definitivamente. Nel caso di fiale già aperte, ovviamente le infialatrici funzionano allo stesso modo ma ovviamente non dispongono della stazione di apertura delle fiale.

scopri di più

Infialatrice Bausch & Stroebel AFV 4015 usata

M1802836046
Visibile
Buono
Bausch & Stroebel
AFV 4015
1989
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Cioni A8FC usata

M1802835474
Visibile
Buono
Cioni
A8FC
2000
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Strunck AVR A03 usata

M1802818222
Visibile
Buono
Strunck
AVR A03
da verificare
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Cioni S6 usata

M1802816847
Visibile
Buono
Cioni
S6
da verificare
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Bausch & Stroebel AFV 2005 usata

M1702147367
Visibile
Buono
Bausch & Stroebel
AFV 2005
da verificare
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Bosch ALK 3040 usata

M1702137229
Visibile
Buono
Bosch
ALK 3040
1991
su richiesta
Dettagli

Infialatrice Bausch & Stroebel AVF 2005 usata

M1702105925
Visibile
Buono
Bausch & Stroebel
AVF 2005
1978
su richiesta
Dettagli

Ricerca

7

Vuoi vendere dei macchinari usati?

Pubblica gratis il tuo macchinario e trova acquirenti in tutto il mondo

inizia a vendere

Descrizione

Le infialatrici sono delle macchine utilizzate per il riempimento di fiale (fiale aperte e/o fiale chiuse). Le fiale sono usate principalmente nel settore farmaceutico, contengono al loro interno generalmente medicinali iniettabili i quali vengono confezionati in ambiente sterile e molto controllato. Per questa ragione molto spesso troviamo a monte e a valle, cioè prima e dopo le macchine infialatrici, macchine come le sperlatrici, le macchine lavafiale, le autoclavi, i tunnel di sterilizzazione, tutti macchinari utilizzati appunto per controllare prima e dopo l’integrità delle fiale. Le infialatrici per “fiale chiuse” funzionano nel modo seguente: le fiale vengono caricate su un vassoio ed una coclea (vite senza fine) le porta una alla volta in un alveolo della stella di trasporto quasi sempre presente su tutti i macchinari rotativi di riempimento. La prima operazione, trattandosi di fiale chiuse, è quella di aprirle le fiale. L'apertura delle fiale avviene in due modi, mediante un taglio del collo della fiala (di solito quest’operazione si effettua con la fiala capovolta per evitare che dei frammenti di vetro rimangano all’interno della fiala) oppure mediante ad una fiamma che andrà a sciogliere la punta della fiala. Una volta aperte, le fiale vengono riempite grazie a degli aghi di riempimento (che variano a seconda della tipologia di prodotto). Una volta riempite le fiale, queste si spostano alla successiva stazione di chiusura, dove il collo della fiala viene scaldato nuovamente fino a che il vetro si “ammorbidisce” ed una pinza chiude la fiale e contemporaneamente strappa la parte eccedente di vetro. Raffreddandosi la fiala si chiude definitivamente. Nel caso di fiale già aperte, ovviamente le infialatrici funzionano allo stesso modo ma ovviamente non dispongono della stazione di apertura delle fiale.